Archè 2020 – I calici da vino soffiati a bocca progettati, testati e firmati da me

In questa assurda annata 2020, proprio durante il primo lockdown, è nato il progetto più ambizioso che abbia mai portato avanti da quanto gravito nel mondo del vino.

Parlo di una linea di calici soffiati a bocca dai migliori mastri vetrai al mondo, studiata, disegnata, testata e firmata da me. Una produzione di nicchia nata con il fondamentale supporto tecnico e commerciale di un’azienda leader in Italia per la ricerca e l’innovazione nel comparto “glassware” che proprio per lo sviluppo di questo progetto ha creato un nuovo comparto della propria realtà interamente dedicato alla massima accezione dell’artigianalità e della performance tecnica: Archè 2020.

archè 2020 calici francesco saverio russo

Come gli elementi si fondono per dar vita alla materia di cui sogno fatti i calici, tutte le esperienze enoiche e le competenze che ho acquisito negli anni si sono fuse con la massima qualità artigiana e la lungimiranza di chi ha creduto in me a tal punto da puntare tutto su questo progetto. Da solo non ce l’avrei mai fatta!
Un lavoro di squadra nato in questo difficile 2020 nel quale solo chi ha la capacità di gettare cuore e mente oltre l’ostacolo poteva affrontare un impegno di questo genere, arrivando ad un risultato al di sopra delle più rosee aspettative in tempi da record. 
Un mondo che mi ha insegnato che, un po’ come per il vino, si può credere di aver fatto tutto nel migliore dei modi (come quando si porta l’uva migliore in cantina) ma finché non si testa il calice uscito da quei tanto meravigliosi quanto misteriosi stampi in legno non si può avere alcuna certezza, proprio come quando si stappa la prima bottiglia di un vino prima che esca in commercio.
quattro elementi vino

Archè nasce da uno studio basato sulla ricerca della massima performance tecnica unita a forme capaci di coniugare al meglio un impatto estetico raffinato e di classe alla possibilità di fruire di un’esperienza sensoriale unica nel so genere. L’obiettivo non è mai stato quello di creare uno strumento che migliori il vino. La mia volontà è quella di mettere in contatto diretto il degustatore con il contenuto, dando origine ad una concreta metonimia in cui un “calice di vino” non rappresenterà il vetro, bensì il suo contenuto in maniera integrale.

La progettazione di ogni calice è passata al vaglio di professionisti del settore, di alcuni dei più importanti sommelier italiani e internazionali, del comparto tecnico di VDglass e, ancor prima, di un importante studio di architettura che mi ha coadiuvato nell’analisi delle correnti convettive, fulcro dello studio che ho portato avanti per realizzare ogni singolo disegno.

moti convettivi vino

Le correnti convettive sono un fenomeno fisico che permette il circolo delle componenti volatili all’interno di celle (nel caso dei calici Archè rappresentate dalle “camere” del bevante) grazie differenze di calore tra vetro, liquido e aria e alla particolare forma dei calici. Questo permette all’alcol di evaporare in prima istanza, per poi lasciare spazio agli aromi più fini di restare in circolo all’interno della camera cristallina, e al degustatore di assimilare tali profumi in maniera diretta e non indiretta (sarete voi a graduare l’olfazione e, quindi, la percezione dei profumi e non i profumi stessi ad essere spinti all’interno delle cavita nasali in maniera forzosa). Questo permetterà ai vini più freschi, giovani e/o aromatici di non risultare troppo aggressivi e ai vini maggiormente fini e/o evoluti di esprimere in maniera elegante, garbata e, al contempo, integra il proprio complesso spettro aromatico. Inoltre, grazie alle correnti convettive, indotte dalle proporzioni fra “pancia” del calice e “apertura” dello stesso, abbiamo appurato tramite test comparativi, una maggior capacità dei calici Archè (in particolare dei modelli “Emozioni in Rosso”, “Suggestioni in Bianco” e “Orange e Rosè”) di preservare qualsiasi tipologia di vino dalle ossidazioni, lasciando al degustatore l’opportunità di decidere quanto voler ossigenare/aprire il vino in base alla “velocità” di mescita e alle rotazioni che andrà ad imprimere al liquido. Non un solo oggetto, bensì uno strumento che ognuno di noi potrà utilizzare secondo le proprie percezioni ed esigenze.

Francesco Saverio Russo calici vino

I miei sei calici nel dettaglio:

    – Calice bollicine: Metodi

    – Calice universale: Genio

    – Calice Orange e Rosati: Orange & Rosè

    – Calice Bianchi: Suggestioni in Bianco

    – Calice Rossi: Emozioni in Rosso

    – Calice Passiti e distillati da vino: Lieto Fine

Nello specifico possiamo riassumere le personalità dei 6 calici così:

calici archè francesco saverio russo soffiati a bocca

“Metodi” già nel nome vuole rappresentare la coesione di tutte le tipologie di spumanti: Metodo Ancestrale, Metodo Classico e Metodo Martinotti. Un calice che donerà una performance tecnica impeccabile con le varie tipologie di vino senza, però, scendere a compromessi. Leggerezza, pulizia e chiarezza espressiva.

“Genio” significa attitudine e talento prodotti da una naturale predisposizione ma anche da una moltitudine di esperienze ed è proprio questo che abbiamo voluto realizzare: un calice scaturito da un’idea “geniale” che si è dimostrato altamente performante con un molteplici tipologie di vino. Finezza, tecnica e versatilità.

“Orange & Rosè” rappresenta il primo calice al mondo pensato e realizzato per performare al meglio con vini bianchi macerati e rosati importanti, con la volontà di dare ancor più importanza a queste due tipologie di vino così in voga in italia e nel mondo negli ultimi anni. Creatività, unicità e contemporaneità.

“Suggestioni in Bianco” è pensato per i più eleganti vini bianchi d’Italia e del mondo. La sua forma garantisce un impeccabile equilibrio sia con vini giovani e strutturati che con vini da lungo affinamento, concedendo un’ottima ossigenazione al momento della mescita e creando un ambiente “protetto” all’interno dell’ampia camera del bevante, preservandone gli aromi e la struttura da successive ossidazioni.  Un calice ideale per ogni grande vino bianco : dagli Chardonnay di Borgogna più fini ai profumati Sauvignon, passando per i Verdicchio e i Fiano più strutturati e longevi, fino ad arrivare ai più minerali Riesling.

“Emozioni in Rosso” è più importante dei calici della collezione nasce per offrire la migliore esperienza sensoriale al degustatore con i più grandi vini rossi italiani e del mondo. Dai più eleganti Pinot Noir ai monumentali Brunello e Barolo, passando per i vulcanici vini dell’Etna e dell’Alto Piemonte, senza dimenticare vini dallo spettro aromatico intrigante e particolare come Syrah, Ruchè e Schioppettino. Qualsiasi grande vino rosso troverà in questo calice la sua massima espressione organolettica, sia esso giovane o “invecchiato”.

“Lieto fine” è un omaggio a tutti quei vini (e non solo…) in grado di allietare il finale di una cena importante o di aiutarci a rallentare dopo una giornata di lavoro godendoci un momento di relax e piacere. Un calice che non passa inosservato. Bellezza, armonia e contemplazione.

Tipologie di vino degustabili in ciascun calice Archè by Francesco Saverio Russo:

Lascia un commento

Blog at WordPress.com.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: