I migliori vini assaggiati nel 2022, i più talentuosi giovani vignaioli e i territori da ri-scoprire nel 2023

Le selezioni di wineblogroll.com: i migliori vini 2022; i/le giovani vignaioli/e più di talento; gli areali vitivinicoli da ri-scoprire nel 2023.

Come ogni anno, all’avvicinarsi del capodanno, condivido con voi una mera lista di quelli che sono stati gli assaggi più rappresentativi degli ultimi 12 mesi. Gli assaggi di quest’anno sono stati oltre 4000 e le referenze che troverete qui di seguito hanno rappresentano la cernita e il sunto degli assaggi più convincenti, ma la seguente lista non vuole, in alcun modo, assurgere a classifica.

Al termine dei “migliori vini assaggiati nel 2022” troverete alcuni assaggi “estemporanei” che hanno segnato i miei ultimi 12 mesi, una selezione di quelli/e che, a mio parere, sono i/le giovani vignaioli/e che di più si sono distinti nel 2022 e, in fine, i territori che reputo meriteranno particolari attenzioni nel 2023.

Novità: la prima volta, troverete un’unica “wine list” suddivisa per regioni con le principali tipologie distinte per colore, come da legenda:

Vini Frizzanti e Spumanti

Vini Bianchi

Vini Bianchi “Macerati”

Vini Rosati

Vini Rossi

Vini Dolci, passiti, liquorosi e/o ossidativi

 

N.B.: Qualora vi interessino le mie personali descrizioni dei singoli vini tutti i vini citati e/o descritti sono stati estrapolati dai report delle anteprime, dai miei focus territoriali e/o dalle estemporanee pubblicazioni fatte sui miei profili social.

I MIGLIORI VINI ASSAGGIATI NEL 2022

Francesco Saverio Russo – WineBlogRoll.com

SCARICA IL PDF CON LA LISTA COMPLETA DEI MIGLIORI ASSAGGI E GLI EXTRA IN VERSIONE ESTESA CLICCANDO IL LINK CHE SEGUE: https://drive.google.com/file/WINELIST2022

Valle d’Aosta

Stella dei ghiacciai” Metodo Classico VSDQ – Peter Brunet

Esprit Fou” Vino bianco frizzante col fondo Ermes Pavese

Blanc de Morgex et de La Salle Valle d’Aosta Dop 2021 – Peter Brunet

Ferox” Vin Blanc – Le Plantze

Petite Arvine Valle d’Aosta Doc 2021 – Le Grain

Semel Pater” Valle d’Aosta Doc Pinot Nero 2020 – Anselmet

Torrette Superiore Valle d’Aosta Doc 2018 – André Pellissier

“Vigne Vintage” Vino Rosso – Az. Agr. Vintage

Trentino e Alto-Adige

Nature” Brut Nature Trento Doc 2019 – Pisoni

708 km” Extra Brut Trento Doc – Cembrani Doc

Clou” Trento DOC Pas Dosè – Giulio Larcher Maso Corno

Cimbrus” Brut VSDQ – Alfio Nicolodi

Masetto Privè” Trento Doc Riserva 2013 – Endrizzi

Salisa” Trento Doc Brut Dosaggio Zero Millesimato – Villa Corniole

Müller Thurgau Igt Vigneti delle Dolomiti 2021 – Simoni

Riserva Graal” Trento Doc Brut 2008 – Altemasi

Riesling Sudtirol Doc 2021 – Pacher Hof

“Salis” Igt Vigneti delle Dolomiti Sauvignon 2018 – Weingut Oberstein

Riesling Alte Reben Alto Adige Doc 2019 – Falkenstein

Wir mussten Künstler sein” Pinot Bianco Alto Adige Doc 2018 – Andi Sölva

Freienfeld” Chardonnay Alto Adige Doc Riserva 2019 – Cantina Kurtatsch

Cuvée Nova Domus” Alto Adige Doc Riserva 2020 – Terlano

Le Strope” Riesling Renano Trentino Doc 2019 – Zanotelli

Chardonnay Trentino Doc 2020 – Cembra Cantina di Montagna

“Pietra di Confine” Vigneti delle Dolomiti Müller Thurgau 2019 – Az. Agr. Federico e Giorgio Paolazzi

Nosiola Igt Vigneti delle Dolomiti 2021 – Maso Grener

Musivum – Vicinia” Pinot Grigio Trentino Doc Superiore 2016 – Mezzacorona

In caso di sete” Igt Vigneti delle Dolomiti Pinot Nero 2021 – Patrick Uccelli Ansitz Dornach

Select “Vigna Premstallerhof” St. Maddalena Classico Doc 2021 – Rottensteiner

Rot” Mitterberg Igt 2019 – Luis

Sass Roà” Alto Adige Doc Cabernet Sauvigno 2019 – Laimburb

Vigna Rondell” Sudtirol Santa Maddalena Classico Doc 2021 – Franz Gojer

Schweizer”Alto Adige Doc Pinot Nero 2019 – Frans Haas

Mazzon Alto Adige Doc Pinot Nero 2018 – Gottardi

Pinot Nero Trentino Doc Superiore 2019 – Maso Poli

Baticor” Trentino Pinot Nero Doc 2018 – Cantina Toblino

Maso Cervara Teroldego Rotaliano Superiore Doc Riserva 2019 – Cavit

San Leonardo Igt Vigneti delle Dolomiti 2017 – Tenuta San Leonardo

Morei” Igt Vigneti delle Dolomiti Teroldego 2021 – Foradori

Veneto

ReMaior Metodo Classico Dosaggio Zero Valdobbiadene Docg – Col Del Lupo

Rive di Col San Martino” Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG 2020 – Siro Merotto

Cuvée Augusto Lessini Durello Doc Riserva Dosaggio Zero – Tenuta di Corte Giacobbe Dal Cero

Vulcano 36 Lessini Durello Doc Metodo Classico Pàs Dosé – Zambon

IoAura” Lessini Durello Doc Riseva Metodo Classico – Vini Tonello

Lessini Durello Doc Metodo Classico Pàs Dosé – Fongaro

Dilà” VSDQ Metodo Classico (Moscato Giallo) Brut Nature – Maeli

““Orto di Venezia – Vino Serenissimo” 2018 – Michel Thoulouze

“I Palchi Foscarino Grande Cuvèe” Soave Classico Doc 2020 – Inama

“Camparsi” Trebbiano Veneto Igt 2021 – Ca’ dei Maghi

Vulcano” Soave Doc 2020 – Zambon

Soave Doc 2021 – Arete

Runcata” Soave Superiore Doc 2020 – Tenuta Corte Giacobbe Dal Cero Family

Calvarino 5” Igt Bianco Veronese (cuvèe di annate) – Pieropan

Manzoni Bianco Igt Marca Trevigiana 2021 – Cecchetto

Passo delle Streghe” Moscato Secco Colli Euganei Doc 2021 – Vigne al Colle

Summa” Custoza Superiore Doc 2020 – Az. Agr. Gorgo

La Guglia” Custoza Superiore Doc 2020 – Tamburino Sardo

Ulderico” Custoza Superiore Doc 2017 – Ronca

Montegrande” Soave Classico Doc 2020 – Prà

Le Fornaci” Lugana Riserva Doc 2019 – Tommasi

Fior d’Arancio “Secco” Colli Euganei Docg 2020 – Quota 101

Garganega Totale” Igt Veneto – Sober Wine

Valpolicella Classico Superiore Doc 2016 – Ca’ dei Maghi

Valpolicella Classico Superiore Dop 2019 – Giovanni Ederle

A Pietro” Valpolicella Superiore Doc 2020 – Az. Agr. CarloAlberto Negri

Il Valpo” Valpolicella Doc 2021 – La Giuva

“Ravazzol” Amarone della Valpolicella Classico DOCG Ca’ La Bionda 2016 – Ca’ la Bionda

De Buris” Amarone della Valpolicella Docg 2010 – Tommasi

Gemola” Colli Euganei Rosso Doc 2016 – Vignalta

Comezzara” Igt Veneto Merlot 2019 – Il Mottolo

Casa del Merlo” Colli Euganei Merlot Doc 2019 – Il Filò delle Vigne

Oltre il Limite” Colli Euganei Rosso Doc 2015 – Salvan

Incontro” Colli Euganei Rosso Doc 2019 – VignaVecchia

Oratorio di San Lorenzo” Colli Berici Carmenere Doc 2017 – Inama

Colpizzarda Colli Berici Tai Rosso Doc 2018 – Dal Maso

Vin del Sette” Recioto della Valpolicella Classico Docg – Cantina Mizzon

1623” Recioto della Valpolicella Classico Docg – Damoli

Fior d’Arancio Passito Colli Euganei Docg – Cà Lustra Zanovello

Lombardia

InFiore” Lambrusco Rosato Metodo Tradizionale” – Cantine Caleffi

Luogo d’Agosto Oltrepò Pavese Metodo Classico Bianco Docg – Alessio Brandolini

Pinot Nero Rosè Nature Metodo Classico Oltrepò Pavese Docg – Piccolo Bacco dei Quaroni

Cru Perdu” Franciacorta Docg Brut Millesimato – Castello Bonomi

Saten Franciacorta Docg Brut – CorteFusia

Pàs Dosè Franciacorta Docg – Ugo Vezzoli

Vintage Collection 2016” Franciacorta Docg Brut – Ca’ del Bosco

Cuvée dell’Angelo”Oltrepò Pavese Doc Metodo Classico – Moratti

San Rocco” Oltrepò Pavese Doc Riesling 2015 – Castello di Stefanago

Riesling Oltrepò Pavese Doc 2021 – Pietro Torti

Febo” Vino Bianco – Nicola Gatta

Intregh Igt Provincia di Pavia Malvasia 2016 – La Torrazzetta

Eleganza” Pinot Nero Provincia di Pavia Igt 2019 – Tenuta Belvedere

Cavariola” Oltrepò Pavese Doc Riserva 2019 – Bruno Verdi

Barbacarlo” Igt Provincia di Pavia 2019 – Lino Maga

Sommarovina” Sassella Valtellina Superiore Docg 2019 – Mamete Prevostini

Stella Retica” Valtellina Superiore Sassella Docg 2017 – Ar.Pe.Pe.

Rino” Valtellina Superiore Docg 2019 – Azienda Agricola Pizzo Coca

Moscato di Scanzo Docg 2010 – Biava

Friuli Venezia-Giulia

Ribolla Gialla Spumante Dosaggio Zero 2015 – Collavini

Piè di Mont Metodo Classico VSDQ – Roman Rizzi

Blanc de Noir Metodo Classico VSDQ – Dorigo

Blanc de Noir Metodo Classico VSDQ – Perusini

Vino degli Orti” Igt Venezia GIulia Igt – Tercic

Collio Bianco Doc 2020 – Terre del Faet

Klin” Collio Bianco Doc Riserva 2016 – Primosic

Jelka” Collio Bianco Doc Riserva 2017 – Picech

Pinot Bianco Collio Doc 2021 – Russiz Superiore

Pinot Bianco Collio Doc 2021 – Toros

Blanc de Blanchis” Collio Bianco Doc Riserva 2017 – Ronco Blanchis

Saltimbanco” Collio Bianco Doc Riserva 2019 – La Giostra del Vino

Ronco delle Cime” Collio Doc Friulano 2021 – Venica & Venica

Duality” Friuli Colli Orientali Doc Sauvignon 2020 – Specogna

Cor Blanc” Friuli Colli Orientali Doc 2020 – Augusta Bargilli

Friulano Colli Orientali del Friuli Doc 2019 – La Cricca

Myo” Friuli Colli Orientali Doc 2019 – Zorzettig

Teolis” Friuli Isonzo Doc Sauvignon 2020 – Murva Renata Pizzulin

Zegla” Collio Doc Riserva Friulano 2016 – Renato Keber

Collio Bianco Doc 2020 – Edi Keber

“Vigne da Mont” Collio Bianco Doc 2019 – Bolzicco

Sontium” Bianco Friuli Isonzo Doc 2020 – I Feudi di Romans

Riesling Aquileia Doc 2021 – Brojli

Ante Bellum” Friuli Colli Orientali Doc Friulano Riserva 2018 – Stroppolatini

Agnul” Collo Bianco Doc 2019 – Pascolo

Edda Cristina” Palava Igt Venezia Giulia 2021 – Barone Ritter de Záhony

Malvasia Di Leo” Carso Doc 2021 – Castelvecchio

Friulano Collio Doc 2021 – Sturm

Madonna d’aiuto” Friuli Colli Orientali Doc Pinot Grigio (Ramato) 2020 – Valentino Butussi

“Marmor” Vitovska 2020 – Radovic

“Blanc Metodo Tradizionale” Igt Venezia Giulia 2019 – Simon di Brazzan

Lehte” Malvasia Istriana Venezia Giulia Igt 2019 – Zidarich

Orange” Igt Venezia Giulia Ribolla Gialla 2020 – Fiegl

Scusse” Collio Doc Friulano 2015 – Carlo di Pradis

Kaplja” Igt Venezia Giulia 2018 – Damjan

Col di Buri” Friuli Colli Orientali Doc 2018 – Doi Mats “Le Particelle”

“Sessanta” Venezia Giulia Igt 2017 – Ferlat

Collio Rosso Doc 2020 – Martissima

“Sdencina Rosso” Igt Venezia Giulia 2019 – Tenuta Stella

“Santuari” Friuli Colli Orientali Doc Riserva 2016 – Valentino Butussi

Mosaic Ros” Refosco Aquileia Doc 2019 – Tarlao

Schioppettino Friuli Colli Orientali Doc 2020 – Flaibani

Sant’Elena” Schioppettino di Prepotto Friuli Colli Orientali Doc 2019 – Petrussa

Indigenously” Friuli Colli Orientali Schioppettino di Prepotto Doc 2018 – Vigna Lenuzza

Pignolo Friuli Colli Orientali Doc 2009 – Conte d’Attimis Maniago

Ramandolo Docg 2018 – Micossi

Picolit Friuli Colli Orientali Docg 2018 – Marco Sara

Liguria

U Bertu” VSDQ Metodo Classico Dosaggio Zero – La Vecchia Cantina Calleri

U BACCAN” Pigato Riviera Ligure Di Ponente Doc 2020 – Bruna

Bon in Da Bon” Pigato Riviera Ligure di Ponente Doc 2021 – BioVio

Pigato Riviera Ligure di Ponent Doc 2021 – aMaccia

Soffio di Ponente Vermentino Riviera Ligure di Ponente Doc 2021 – Az. Agr. Dell’Erba

Cinque Terre Bianco Doc 2021 – Terenzuola

Cinque Terre Bianco Doc 2021 – Forlini Cappellini

In Origine” Igt Liguria di Levante Bianco 2021 – La Felce

Migliarina” Rossese di Dolceacqua Doc 2015  Roberto Rondelli “

Luvaira” Rossese di Dolceacqua Doc 2019 – Tenuta Anfosso

Ormeasco di Pornassio Doc 2020 – Guglierame

Cappuccini” Igt Colline Savonesi 2019 – Innocenzo Turco

“Moscatello di Taggia” Riviera Ligure di Ponente Passito Doc 2016 – Podere Grecale

Emilia-Romagna

Leclisse” Lambrusco di Sorbara Doc “Metodo Ancestrale” – Paltrinieri

“Il Mattaglio” Spumante Metodo Classico Dosaggio Zero – Cantina della Volta

Gran Concerto” Metodo Classico Brut VSDQ – Medici Ermete

Lambrusco di Sorbara Dop Dosaggio Zero Metodo Classico – Silvia Zucchi

1858” Metodo Classico Brut VSDQ – Branchini 1858

Pignoletto Classico Colli Bolognesi Docg 2021 – Manaresi

Sabbiagialla” Igt Ravenna Bianco 2021 – San Biagio Vecchio

“I Croppi” Romagna Albana Docg Secco 2020 – Celli

Codronchio” Albana Docg 2020 – Fattoria Monticino Rosso

G.G.G.” Igt Sillaro – Vini Giovannini

Vitalba” Romagna Albana Secco Docg 2021 – Tre Monti

Le Lucciole” Romagna Sangiovese Riserva Predappio Doc 2019 – Chiara Condello

“Godenza” Romagna Sangiovese Predappio Doc 2020 – Noelia Ricci

Vigna del Generale” Romagna Sangiovese Riserva Predappio Doc 2019 – Fattoria Nicolucci

“I Probi” Romagna Sangiovese Modigliana Riserva Doc 2018 – Villa Papiano

Petra Honorii” Romagna Sangiovese Superiore Riserva Doc 2019 –Tenuta La Viola

“Il Beneficio” Romagna Sangiovese Serra Riserva Doc 2017 – Costa Archi

Caciara” Romagna Sangiovese Superiore Doc 2020 – Enio Ottaviani

Burson” Igt Ravenna Uva Longanesi 2015 – Tenuta Uccellina

Scaccomatto Romagna Albana Passito Docg 2019 – Fattoria Zerbina

Umbria

Rosè” Metodo Classico Brut VSDQ – Scacciadiavoli

Poggio del Vescovo” Spoleto Doc Trebbiano Spoletino 2020 – Cantina Ninni

Fijoa” Spoleto Doc Trebbiano Spoletino 2020 – Le Thadee

Minganna” Igt Umbria Bianco 2019 – Villa Mongalli

Adarmando” Igt Umbria Bianco 2020 – Tabarrini

Luigi e Giovanna” Orvieto Doc Classico Superiore 2020 – Barberani

Piaggione” IgtUmbria Chardonnay 2020 – Bettalunga

Fiorfiore” Umbria Igt Grechetto 2020 – Roccafiore

Anteprima Tonda!” Spoleto Doc Trebbiano Spoletino 2019 – Antonelli San Marco

Le Tese” Spoleto Doc Trebbiano Spoletino 2020 – Romanelli

Pomontino” Rosso di Montefalco Doc 2019 – Tenuta Bellafonte

Merlot di Todi Doc 2019 – Concinnate Tenuta Montorsolo

Colle alle Macchie Montefalco Sagrantino Docg 2018 – Tabarrini

Chiusa di Pannone” Montefalco Sagrantino Docg 2016 – Antonelli San Marco

Montefalco Sagrantino Docg – “Carlo Re” – Le Thadee

“Brecciaro” Igt Ciliegiolo di Narni 2020 – Bussoletti

Antichi Cloni” Amelia Doc Ciliegiolo 2020 – Cantine Zanchi

Rubesco Vigna Monticchio” Torgiano Rosso Docg Riserva 2017 – Lungarotti

Calcaia” Orvieto Classico Superiore Doc “Muffa nobile” 2019 – Barberani

Lazio

Poggio Triale” Igp Lazio Grechetto 2021 – Tenuta La Pazzaglia

Nzù” Igt Lazio Bianco Bellone 2019 – Marco Carpineti

Latour a Civitella” Igt Grechetto Civitella d’Agliano 2019 – Sergio Mottura

Oncia Bianca” Igt Lazio Bianco 2020 – Carlo Noro

Emotiq” Lazio Igp Malvasia Puntinata 2021 – Riccardi-Reale

Vino Bianco – Le Coste

Pinkstone” Roma Doc Rosato 2021 – Az. Vin. Federici

Terra” Lazio Igp Rosso 2019 – Le Lase

Palombaio” Igt Lazio Rosso 2019 – Riserva della Cascina

Cesanese Igp Lazio 2019 – Cantine Imperatori

Nemora” Cesanese di Affile Doc 2019 – Raimondo

Cavarosso” Igt Lazio Aleatico 2019 – Antonella Pacchiarotti

Marche

“MG60” Cuvée Dosaggio Zero Metodo Classico – Marco Gozzi

Spumante Metodo Classico Dosaggio Zero ‘Ribona’ – Fontezoppa

Pas Dosé” Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc Metodo Classico Dosaggio Zero – Casa Vinicola Gioacchino Garofoli

Darini” Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc Metodo Classico Extra Brut – Tenuta Musone Cantina Colognola

“Ousia” Igt Marche Bianco Spumante Metodo Classico – Az. Vit. Socci

Pàs Dosé” Verdicchio dei Castelli di Jesi Dop Metodo Classico Dosaggio Zero – Federico Mencaroni

Perlugo” Metodo Classico VSDQ Dosaggio Zero – Pievalta

Utopia” Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Riserva Docg 2019 – Montecappone

Deserto” Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Doc 2021 – Az. Vit. Socci

Bucci” Verdicchio Classico dei Castelli di Jesi Superiore Doc 2021 – Az. Agr. F.lli Bucci

Villa Bucci” Verdicchio dei Castelli di Jesi Sup. Ris. Docg 2018 – Az. Agr. F.lli Bucci

Selezione Gioacchino Garofoli” Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore 2016 – Casa Vinicola Garofoli

L’Incauto” Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. Doc 2020 – Colognola

“Palombare” Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. Doc 2021 – Campanelli Vini

“Da Solo” Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. 2021 – Terra Libera di Gian Mario Bongini

La Rincrocca” Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. Doc 2019 – La Staffa

Il Cantico della Figura” Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Riserva Docg 2019 – Andrea Felici

Misco Vintage Collection” Verdicchio dei Castelli di Jesi Sup. Riserva Docg 2014 – Tenuta di Tavignano

Castelfiora” Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. 2020 – Tombolini

Supèra” Verdicchio di Matelica Doc 2021 – Tenuta Supera

Senex” Verdicchio di Matelica Doc Riserva 2018 – Bisci

Verdicchio di Matelica Doc 2021 – Stefano Zoli

Egos” Verdicchio di Matelica Docg 2021 – Provima

Verdicchio di Matelica Doc 2021 – Colpaola

Il Principio” Marche Igt 2020 – “Marasca Rossi” Az. Agr. Rovegliano

Onirocep” Falerio Pecorino Doc 2021 – Pantaleone

Luciano” Campo Vallerosa Offida Pecorino Docg 2019 – Dianetti

Revè” Offida Pecorino Docg 2020 – Velenosi

Asola” Colli Maceratesi Ribona Doc 2018 – Fontezoppa

Favoloso” Igt Marche Bianco 2019 – Conventino di Monteciccardo

Innominata” Igt Marche Bianco (Garofanata) 2021 – Terracruda

Flosis” Colli Maceratesi Bianco Doc (Ribona) 2021 – Andrea Giorgetti

Volo d’autunno” Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. Doc 2021 – Marotti Campi

Stella Flora” Igt Marche Bianco 2019 – Maria Pia Castelli

Rosa di Montacuto” Igt Marche Rosato 2021 – Moroder

Mun” Igt Marche Rosato 2021 – La Calcinara

Piccole Produzioni” Pinot Nero Marche Igt 2021 – Coppacchioli Tattini

Nullius” Igt Marche Rosso 2016 – La Canosa

“Michelangelo” Marche Rosso Igt 2017 – Dianetti

“Dorico Rosso” Conero Riserva Docg 2017 – Moroder

“Pepato” Serrapetrona Doc 2020 – Fontezoppa

“Skiants” Marche Rosso Igt 2019 – Fattoria Villa Ligi

“Orgiolo” Lacrima di Morro d’Alba Superiore Doc 2020 – Marotti Campi

Lacrima dal Pozzo Buono” Lacrima di Morro d’Alba Superiore Doc 2019 – Vicari

Kilix” Igt Marche Passito 2020 – Montecappone

CINGULUM” Verdicchio di Jesi Doc Passito 2019 – Cològnola-Tenuta Musone

Abruzzo

Pecorino d’Abruzzo Doc 2021 – Tenuta I Fauri

Pecorino Igt Colli Aprutini 2020 – Emidio Pepe

Trebbiano d’Abruzzo Dop 2019 – Az. Agr. Maurizi

Trebbiano d’Abruzzo Doc 2021 – Bossanova

Vigneto di Popoli” Trebbiano d’Abruzzo Doc 2019 – Valle Reale

Tenuta del Professione” Trebbiano d’Abruzzo Doc 2015 – D’Alesio Sciarr

Lu Sciablì” Igp Colline Pescaresi Cococciola Collezione Privata 2018 – Marchesi de Cordano

MPH” Trebbiano d’Abruzzo Doc 2020 – Tenuta Terraviva

Trebbiano d’Abruzzo Doc 2019 – Barone Cornacchia

Cerasuolo d’Abruzzo Doc 2021 – Di Sipio

Cerasuolo d’Abruzzo Doc 2021 – Tiberio

Le Cince” Cerasuolo d’Abruzzo Doc 2021 – De Fermo

Mazzamurello” Montepulciano d’Abruzzo Doc 2019 – Torre dei Beati

CO2” Montepulciano d’Abruzzo Doc 2020 – Tenuta Terraviva

Girovago” Montepulciano d’Abruzzo Doc 2019 – Cataldi Madonna

Apollo Anfora” Igt Colli Aprutini Rosso 2019 – Ausonia

Bellovedere” Montepulciano d’Abruzzo Doc 2019 – La Valentina

Anfora” Montepulciano d’Abruzzo Doc 2020 – Francesco Cirelli

San Zopito” Montepulciano d’Abruzzo Doc 2018 – Torre Raone

“Fosso Cancelli” Montepulciano d’Abruzzo Doc 2017 – Ciavolich

Villamagna Doc Riserva 2017 – Palazzo Battaglini

Puglia

Gran Cuvée ‘XXI Secolo’” VSDQ Metodo Classico Brut – D’Araprì

Amore Protetto” Igp Puglia Metodo Classico – Colli della Murgia

Chakra Blu” Igt Valle d’Itria “Ancestrale” – Giovanni Aiello

Gemma” Igt Puglia Biologico – Masseria Torricella

Chakra Essenza” Igt Valle d’Itria 2020 – Giovanni Aiello

Verdeca Puglia Igt 2021 – Marco Ludovico

“Terre Bianche” Igp Murgia Bombino Bianco 2021 – Mazzone

Calavento” Igp Salento Malvasia bianca – Conti Zecca

Sette Lune” Igp Salento Verdeca 2019 – L’Archetipo

Cerasa Igp Salento Rosato 2021 – Michele Calò e Figli

Speziale” Igt Salento Negroamaro Rosato 2021 – Trullo di Pezza

Amphora” Igt Puglia Rosato Susumaniello 2021 – Cristiano Guttarolo

Il Sale della Terra” Nero di Troia Puglia Igt 2019 – Antica Enotria

“Jo” Salento Igp Negroamaro 2019 – Gianfranco Fino

Arlati” Igp Salento Susumaniello 2020 – Trullo di Pezza

Menone” Negramaro Igp Salento 2017 – Cantina Vito Marulli

Pepe” Terra d’Otranto Doc Negroamaro 2020 – MenhirSalento

Adelphos” Primitivo Gioia del Colle Doc 2019 – Donato Angiuli

Es più Sole” Primitivo di Manduria Doc Dolce Naturale 2018 – Gianfranco Fino

Passito Liberty” Moscato di Trani Dop 2015 – Estasi di Franco di Filippo

Basilicata

Ego Sum” Materca Doc Metodo Classico Primitivo Brut Rosè – Dragone

SenSO2” Igt Basilicata Bianco 2020 – Taverna

Margherì” Matera Doc Greco 2021 – Mastrangelo

Gelso Bianco” Igt Basilicata Bianco 2021 – Tenuta I Gelsi

I Sassi” Matera Primitivo Doc 2018 – Taverna

Portogreco Igt Basilicata Rosso 2017 – Fontanarosa Vini

Daginestra” Aglianico del Vulture Superiore Docg 2018 – Grifalco

Caselle” Aglianico del Vulture Doc 2016 – D’Angelo

Rotondo” Aglianico del Vulture Doc 2018 – Paternoster

Campania

MATA BIANCO” VSDQ Metodo Classico Extra Brut – Villa Matilde

Metodo Classico Ischia Bianco Doc – Tommasone

Pietrafumante” Caprettone Spumante Metodo Classico Millesimato Brut – Casa Setar

“Trentapioli” Asprinio d’Aversa Doc Brut – Salvatore Martusciello

Coda di Volpe Irpinia Dop 2021 – Traerte

Vigna del Lume” Ischia Biancolella Doc 2021 – Antonio Mazzella

Torrefumo” Falanghina Campi Flegrei Dop 2019 – Cantine del Mare

Fiorduva” Costa d’Amalfi Furore Bianco Doc 2020 – Marisa Cuomo

Pallagrello Bianco Terre del Volturno Bianco Igp 2020 – Masseria Piccirillo

Coda di Volpe Sannio Dop 2020 – Il Poggio

Falanghina del Sannio Taburno Dop 2021 – Fontanavecchia

“Svelato” Falanghina del Sannio Doc 2021 – Terre Stregate

Janare Anima Lavica” Falanghina del Sannio Doc 2021 – La Guardiense

Chiusa” Fiano Sannio Dop 2019 – Fosso degli Angeli

Cambioluna” Igp Falanghina del Beneventano 2015 – Cantine Tora

“Lapazio” Ipg Paestum Bianco 2021 – Francesca Fiasco

Vigna Segreta” Falanghina del Sannio Sant’Agata dei Goti Dop 2019 – Mustilli

Campi Flegrei Falanghina Dop 2020 – Agnanum

Fiano di Avellino Dop 2020 – Di Prisco

Oi Nì” Fiano Igt Campania 2019 – Tenuta Scuotto

Tognano” Fiano di Avellino Dop Riserva 2020 – Rocca del Principe

Miniere” Greco di Tufo Dop 2020 – Cantine dell’Angelo

Oikos” Greco di Tufo Docg 2020 – Fonzone

Bacio a Scannisi” Greco di Tufo Doc 2021 – Le Terre Diverse Caciorgna Pietro

Ida” Igp Colli Salerno Bianco 2020 – Viticoltori Lenza

Capri Rosso Doc 2019 – Masseria Frattasi

Lacryma Nera Lacryma Christi del Vesuvio Doc 2014 – Ambrosio

Sorbo Rosso” Campi Flegrei Piedirosso Riserva Dop 2018 – Cantine del Mare

Tenuta Camaldoli” Campi Flegrei Piedirosso Riserva Doc 2016 – Cantine Astroni

L’Arca” Casavecchia Igp 2019 – Terre dell’Angelo

Quattro Cerri” Irpinia Taurasi Docg 2017 – Masseria della Porta

Taurasi Docg 2011 – Perillo

Per’ e’ Palummo” Ischia Doc 2020 – Cenatiempo

Barbera del Sannio Dop 2019 – Monserrato 1973

Aglianico del Taburno Riserva Docg 2014 – Nifo Serrapocchiello

Pallagrello Nero Terre del Volturno Igp 2019 – Masseria Piccirillo

Mercorì” Paestum Rosso Igt 2016 – Francesca Fiasco

“Sygnum” Igt Epomeo 2019 – Cantine Antonio Mazzella

Sardegna

Bebè Bianco “Sui Lieviti” 2020 – Davide Orro

Metodo Classico VSDQ Brut – Quartomoro

Filighe” Vermentino di Sardegna Doc Metodo Classico- Cherchi

Aristanis” VSDQ Metodo Classico Brut – Cantina della Vernaccia

Primastella” Vermentino di Sardegna Doc 2021 – Gavino Delogu

Frinas” Vermentino di Sardegna Doc 2021 – Carpante

Vermentino di Sardegna Doc 2021 – Podere 45

Petrizza” Vermentino di Gallura Docg 2021 – Masone Mannu

Ziru” Igt Isola dei Nuraghi Bianco 2020 – Antonella Corda

Mattìo” Igt Barbagia 2021 – Francesco Cadinu

Al Sol Brilla” Igt Isola dei Nuraghi Vermentino 2020 – La Contralta

“Cipriota” Vino Rosato – Az. Agr. Agreste

Raije” Carignano del Sulcis Doc 2021 – Tenuta La Scogliera

Il Superiore” Carignano del Sulcis Doc 2018 – Tenuta La Sabbiosa

Don Aldo” Igt Valle del Tirso Nieddera Rosso 2016 – Orro

Balente” Mandrolisai Superiore Doc 2018 – Carboni

Murru” Monica di Sardegna Doc 2020 – I Garagisti di Sorgono

“Notante” Cannonau di Sardegna Doc 2020 – Cantina Mossa

BVL Memorie di Vite” Igt Isola dei Nuraghi Bovale 2020 – Quartomoro

Zimò” Cannonau di Sardegna Doc 2020 – Cantina Marco Canneddu

Olieddu” Igt Isola dei Nuraghi Cagnulari 2019 – Mario Bagella

Ghirada Graunele” Rosso di Barbagia Igt 2020 – Vinzas Artas

Barrosu” Cannonau di Sardegna Doc 2020 – Giovanni Montisci

Ghirada Gurguruo” Cannonau di Sardegna Doc 2019 – VikeVike

Arsenale” Alghero Cagnulari Doc 2018 – Vigne Rada

“Perda Rubia” Cannonau di Sardegna Doc 2018 – Tenute Perda Rubia

Dule” Cannonau di Sardegna Classico 2019 – Gabbas

Antico Gregori” Vernaccia di Oristano Riserva Doc 1979 – Contini

Vernaccia di Oristano Riserv Doc 1968 – Silvio Carta

Nuali” Passito Moscato di Sardegna Doc 2020 – Siddura

Pin8” Igt Isola dei Nuraghi Rosso Passito 2020 – Carboni

Molise

Fiano del Molise Dop 2019 – Tenuta Martarosa

Lame del Sorbo” Igt Terre degli Osci Riesling 2019 – Vinica

Fannia” Falanghina del Molise Doc 2020 – Campi Valerio

Templo” Malvasia del Molise Doc 2020 – Cianfagna

Colle Cervino” Tintilia del Molise Rosso Dop 2018 –Catabbo

Settevigne” Molise Doc Tintilia 2016 – Claudio Cipressi

Calabria

“Zoe” VSDQ Metodo Classico 50 mesi Pàs Dosé – Tenute Pacelli

Fantasia” Igt Calabria Bianco “Metodo Ancestrale” – Casa Comerci

Grisara” Igt Val di Neto Pecorello 2021 – Ceraudo

Neostos” Igt Calabria Pecorello – Spiriti Ebbri

Autoritratto” Igt Calabria Mantonico 2021 – Antonella Lombardo

Calabria Igt Mantonico 2021 – Statti

Olimpia” Vino Bianco – Nesci

Orange” Igt Calabria Bianco Zibibbo 2021 – Cantine Benvenuto

Cirò Doc Classico Superiore Riserva 2017 – ‘A Vita

Aris” Cirò Rosso Superiore Doc Riserva 2017 – Sergio Arcuri

Esmèn Tetra” Igp Calabria Rosso 2019 – Tenuta del Travale

“Vigna Savuco” Terre di Cosenza Doc 2016 – Serracavallo

‘A Batia” Igt Calabria Rosso 201 – Casa Comerci

Blandus” Calabria Igp 2017 – Terre di Balbia

OX” Vino Rosso Ossidato Da Uve Stramature – ‘A Vita

Peppina” Vino Passito Moscato Di Saracena 2019 – Giuseppe Calabrese

Sicilia

VSDQ Metodo Classico Sicilia Doc Extra Brut – Baglio del Cristo di Campobello

VSDQ Metodo Classico Pàs Dosé – Cantine Fina

Etna Doc Blanc de Noir Metodo Classico Brut – La Gelsomina

Milasso Classico” VSDQ Metodo Classico Brut – Milazzo

Murgo” VSDQ Metodo Classico Extra Brut – Cantine Murgo 1860

Soste Tre Santi” Etna Doc Metodo Classico Brut – Nicosia

“Mon Pit” VSDQ Metodo Classico Blanc de Blancs Brut – Cantine Russo

“Salina” Igt Terre Siciliane BIanco 2019 – Barone di Villagrande

“San Lorenzo” Etna Bianco Doc 2020 – Girolamo Russo

Fronte bosco” Contrada Volpare Etna Bianco 2021 – Maugeri

Lindo” Etna Bianco Superiore Doc 2021 – Iuppa

Contrada Arcuria” Etna Bianco Doc 2020 – Graci

Bianco di Monte” Etna Bianco Doc 2018 – Eudes

Etna Bianco Doc 2018 – Barone Beneventano

Pietramarina” Etna Bianco Superiore Doc 2017 – Benanti

A’ Puddara” Etna Bianco Doc 2020 – Tenuta di Fessina

Anthemis” Etna Bianco Doc 2020 – Monteleone

Etna Bianco Doc 2021 – Giovanni Rosso

“Kudos” Etna Bianco Superiore 2019 – Federico Curtaz & Eredi di Maio

“Lindo” Etna Bianco Superiore Doc 2020 – Iuppa

Mareneve” Igt Terre Siciliane 2020 – Federico Graziani

Bianco Pomice Terre Siciliane Bianco Igp 2021 – Tenuta di Castellaro

Vigna di Maestranza Grillo Sicilia Doc 2021 – Intorcia Heritage

Grillo Igt Terre Siciliane 2021 – Barraco

Grillo di Mozia” Igt Terre Siciliane 2021 – Tasca d’Almerita

Cammurìa Orange” Igp Terre Siciliane 2020 – Di Giovanna

Orange” Igt Terre Siciliane Zibibbo 2021 – Abbazia San Giorgio

Sul Vulcano” Etna Rosato Doc 2021 – Donnafugata

Etna Rosato Doc 2021 – Graci

Etna Rosato Doc 2019 – Tenuta Aglaea

Mofete” Etna Rosato Doc 2021 – Palmento Costanzo

Hanami” Igt Terre Siciliane Rosato 2021 – Cantine Fina

Forfice” Cerasuolo di Vittoria Classico Docg 2019 – Paolo Calì

Sabuci” Cerasuolo di Vittoria Classico Docg 2020 – Cortese

Pignatello Igp Terre Siciliane 2016 – Barraco

Vrucara Nero d’Avola Sicilia Doc 2017 – Feudo Montoni

Piano delle Colombe” San Lorenzo Etna Rosso Doc 2019 – Girolamo Russo

San Lorenzo” Etna Rosso Doc 2020 – Girolamo Russo

Etna Rosso Doc 2020 – Roberto Abbate

Calderara Sottana” Etna Rosso Doc 2020 – Tenuta delle Terre Nere

Contrada Blandano Etna Rosso Doc 2017 – Terra Costantino

Davanti Casa” Feudo Pignatone Etna Rosso Doc 2020 – Emiliano Falsini

Contrada Blandano” Entra Rosso Doc Riserva 2017 – Terra Costantino

Perricone Igt Terre Siciliane 2019 – Porta del Vento

Microcosmo” Menfi Doc Perricone 2018 – Canine Barbera

Dumè” Sicilia Doc Frappato 2020 – Tenuta Gorghi Tondi

“Mastronicola – Gran Cru delle Colline Funaresi” Igt Sicilia Doc 2014 – Cambria

Bukkuram – Padre della Vigna” Passito di Pantelleria Doc 2014 –Marco de Bartoli

Decennale” Passito di Pantelleria Doc 2009 – Ferrandes

Malvasia” Passito Malvasia delle Lipari Doc 2020 – Hauner

“Altogrado” Igp Terre Siciliane 2015 – Barraco

Marsala Vergine Riserva Secco Doc 1980 – Heritage Francesco Intorcia

“Aegusa” Marsala Doc 2001 – Florio

Piemonte

Turbante” Erbaluce di Caluso Docg Metoto Classico Pàs Dosé – Cantine Gnavi

Erbaluce di Caluso Docg Spumante Metodo Classico Docg Extra Brut – Ilaria Salvetti

Zero” Metodo Classico Altalanga Docg Pàs Dosè – Enrico Serafino

Brut Nature” Altalanga Docg Pàs Dosé – Fabio Perrone

Cuvée Aurora 100 mesi” Altalanga Riserva Docg Pàs Dosé – Banfi

Blanc de Blancs Altalanga Riserva Docg Brut Nature – Deltetto

Altalanga Docg Pàs Dosé – Rizzi

Riserva del Nonno” VSDQ Metodo Classico Brut – Bosca

Nature” Altalanga Docg Brut Nature – Marcalberto

Altalanga Docg Riserva Pàs Dosé – Ettore Germano

“Le Cave” VSDQ Extra Brut Metodo Classico – Castello di Uviglie

Rosè Metodo Classico Extra Brut – Cantina Delsignore

Circa 26°” Asti Metodo Classico Docg Brut – Rapalino

Gavi Docg Metodo Classico – Il Poggio di Gavi

Strangè” Langhe Doc Chardonnay 2020 – Piazzo

Gavi Docg 2021 – Binè

Monterotondo” Gavi Docg 2019 – Villa Sparina

Gavi Docg del Comune di Gavi Rovereto – Il Poggio di Gavi

Tredicimesi” Erbaluce di Caluso Docg 2020 – Favaro

Costaparadiso” Erbaluce di Caluso Docg 2019 – Cantine Crosio

Erbaluce di Caluso Docg 2019 – San Martin

Cinque” Langhe Doc 2020 – Olivero Mario

Il Selvaggio” Derthona Timorasso Colli Tortonesi Doc 2020 – La Vecchia Posta

Il Montino” Colli Tortonesi Timorasso Doc 2020 – La Colombera

Montecitorio” Colli Tortonesi Timorasso Doc 2018 – Vigneti Massa

Il Cas’Al Mat” Derthona Colli Tortonesi Timorasso Doc 2020 – Cas’Al Mat

Montemarzino” Derthona Colli Tortonesi Timorasso Doc 2019 – Roagna

Nicchia” Vino Bianco “EsCamoTage” 2019 – Simone Cerruti

Piemonte Doc Moscato (Secco”) 2021 – Quila

βιαηκΩ Vino bianco 2020 – Le Piane

Poliedro” Vino Bianco Macerato 2020 – Vigneti Repetto

Bau” Vino Rosso – La Chimera Viticoltura Eroica

Sust” Canavese Doc Nebbiolo 2019 – Cieck

La Costa” Carema Doc 2019 – Monte Maletto

Carema Doc 2018 – SorPasso

Borgofranco” Gattinara Docg Riserva 2016 – Cantina Delsignore

Gattinara Docg 2019 – Mauro Franchino

Sizzano Doc 2018 – Cantina Comero

Lessona Doc 2019 – Villa Guelpa

Ghemme Docg 2018 – Mirà

“Collis Breclemae” Ghemme Docg 2015 – Antichi Vigneti di Cantalupo

“Adele” Boca Doc 2017 – Davide Carlone

Boca Doc 2017 – Barbaglia

Coste della Sesia Doc Vespolina 2019 – Cascina Preziosa

Bramaterra Doc 2014 – Noah

Albugnano Doc 2019 – Tenuta Tamburnin

Arvelè” Freisa Superiore Doc 2017 – Cascina Gilli

Freisa Langhe Doc 2019 – 499

Grignolino d’Asti Doc 2021 – Garrone

“Vigna Cardin” Dolcetto d’Asti Doc 2021 – Cavallero

“Diverso” Acqui Rosso Docg 2020 – Cascina Cabonaldo Az. Agr. Gallo

Bisbetico Indomato” Grignolino d’Asti Doc 2021 – Cascina Rey

“Le Serre” Grignolino d’Asti Doc 2020 – Caldera

Na’ Vota” Ruchè di Castagnole Monferrato Docg 2020 – Cantine Sant’Agata

Vigna del Parroco” Ruchè di Castagnole Monferrato Docg 2021 – Ferraris

Pelaverga Verduno Doc 2021 – Comm. G.B. Burlotto

Speziale” Verduno Pelaverga Doc 2021 – F.lli Alessandria

Langhe Nebbiolo Doc 2020 – Minerdi

Valmaggiore” Nebbiolo d’Alba Doc 2019 – Sordo

Bricco della Bigotta” Barbera d’Asti Docg 2018 – Braida

La Bogliona” Barbera d’Asti Superiore Docg 2016 – Scarpa

Carlo Alfieri” Barbera d’Asti Superiore Docg 2015 – Marchesi Alfieri

“Viti Vecchie” Nizza Docg 2019 – Gianni Doglia

Braja” Roero Riserva Docg 2018 – Delttetto 1953

Roccapalea” Roero Docg 2019 – Tibaldi

Bric Valdiana” Roero Docg 2019 – Giovanni Almondo

“FZ” Vino Rosso 2020 – Vaira Aurelj

Pajè” Barbaresco Docg 2016 – Roagna

Sanadaive” Barbaresco Docg 2019 – Adriano Marco e Vittorio

Asili” Barbaresco Docg 2019 – Cascina Luisin

Serragrilli” Barbaresco Docg 2019 – Collina Serragrilli

L’ultimo degli Onesti” Barbaresco Docg 2017 – Mustela

Boito” Barbaresco Riserva Docg 2017 – Rizzi

Fratin” Barbaresco Docg 2017 – Piazzo Comm. Armando

Ester Canale Rosso” Langhe Nebbiolo Doc 2019 – Giovanni Rosso

Badarina” Barolo DOCG 2018 – Bruna Grimaldi

Vigna Rionda Ester Canale Rosso” Barolo Docg 2018 – Giovanni Rosso

Ciabot Mentin” Barolo Docg 2018 – Domenico Clerico

Rocche di Castiglione” Barolo Docg 2017 – Roagna

Vigne Unite” Barolo Docg 2018 – Olivero Mario

Ravera” Barolo Docg 2018 – Cogno

“Bricco Ambrogio” Barolo Docg 2018 – Negretti

“Conca” Barolo Docg 2018 – Mauro Molino

Ravera di Monforte” Barolo Docg 2018 – Piero Benevelli

Tre Tine” Barolo Docg 2018 – Rinaldi

Villero” Barolo Docg 2018 – Giacomo Fenocchio

Barolo Docg 2018 – Burzi Alberto

Bricco Boschis – Vigna San Giuseppe” Barolo Docg Riserva 2016 – Cavallotto

Bussia” Riserva Barolo Docg 2016 – Livia Fontana

Gabutti” Barolo Docg Riserva 2012 – Sordo

Asti Metodo Classico Dolce Docg – Marcalberto

Asti Metodo Classico Dolce Docg – Alice Belcolle

Passione” Strevi Doc 2009 – Bragagnolo Vini Passiti

Passrì” Brachetto d’Acqui Docg Passito 2015 – Marenco

Revej” Erbaluce di Caluso Passito Docg 2009 – Gnavi

Toscana

Erede” VSDQ Metodo Classico Brut Nature – Cupelli

Metodo Classico Brut – Baldetti

L’Eccezione” VSDQ Metodo Classico Brut Nature – Podere la Regola

Aetos” VSDQ Metodo Classico Extra Brut – Tenuta Sanoner

Lassù a Lamole” Igt Alta Valle della Greve 2021 – Sara & Jurij Fiore Viticoltori

Fosso di Corsano” Colli di Luni Doc Vermentino 2021 – Terenzuola

Selvabianca” Vernaccia di San Gimignano Docg 2021 – Colombaio di Santa Chiara

Tradizionale” Vernaccia di San Gimignano Docg 2020 – Montenidoli

Viti Sparse” Vernaccia di San Gimignano Docg 2020 – Terre di Sovernaja

Colombana” Igt Toscana 2020 – Fattoria Fibbiano

Calzo della Vigna” Igt Toscana Isola del Giglio Ansonica 2018 – Castellari

Le Gessaie” Maremma Toscana Doc Vermentino 2020 – Le Sode di Sant’Angelo

Marmato” Maremma Toscana Doc 2021 – Il Poderone

Poggio del Crine” Maremma Toscana Doc Sauvignon 2018 – Tenuta Montauto

La Sbronza” Igt Toscana Bianco (Ansonica) 2020 – Cantina Dainelli

Ansonica” Elba Ansonica Doc 2021 – Chiesina di Lacona

Bianco di Trinoro” Igt Toscana Bianco 2019 – Tenuta di Trinoro

Mimesi” Igt Costa Toscana Vermentino 2020 – Tenuta di Ghizzano

“La Pietra” Igt Toscana Chardonnay – Tenute del Cabreo Folonari

Ghiochessa” Bolgheri Vermentino Doc 2021 – Le Vigne di Silvia

Giovin Re” Igt Toscana Bianco 2021 – Michele Satta

A Carisio” Igt Toscana Bianco 2020 – Maurizio Menichetti

Prima Luce” Vernaccia di San Gimignano Docg Riserva 2019 – Cappellasantandrea

Codice V” Maremma Toscana Doc Vermentino 2020 – Tenuta Belguardo

Verment’oro” Igt Toscana 2021 – Sequerciani

Numero 10” Igt Toscana 2020 (Anteprima) – Sassotondo

Bianco di Riecine” Igt Toscana Bianco 2020 – Riecine

Pa’Ro Orange” Igt Toscana 2021 – Buccianera

Rosatico” Igt Costa Toscana Rosato 2021 – Poggio al Grillo

Granrosato l’Andanè” Maremma Toscana Doc Rosato 2019 – “Acquagiusta”Tenuta la Badiola

Ventigghjatu” Igt Costa Toscana Alicante 2021 – La Mursa

Sulàna Costa Toscana Alicante Igt 2021 – La Mursa

Uva dei Colombi” Piaggia Carmignano Riserva Docg 2018 – Piaggia

“Villa di Capezzana” Carmignano Docg 2019 – Capezzana

“Montalbino” Igt Toscana 2019 – Montalbino

“Ceppatella” Terre di Pisa Sangiovese Doc 2017 – Fattoria Fibbiano

“Opera in Rosso” Sangiovese Terre di Pisa Doc 2019 – Podere la Chiesa

“Severus” Igt Toscana Sangiovese 2018 – Podere Marcampo

“Tresoro di Riparbella” Igt Costa Toscana 2019 – Caiarossa, Duemani e Tenuta Prima Pietra

“Poggioraso” Igt Toscana Cabernet Franc 2020 – Poggio Argentiera

“San Lorenzo” Maremma Toscana Ciliegiolo Doc 2019 (Anteprima) – Sassotondo

“Paleo Rosso” Igt Toscana Cabernet Franc 2019 – Le Macchiole

“Lienà” Igt Toscana Cabernet Franc 2019 – Chiappini

Le Gonnare” Bolgheri Superiore Doc 2019 – Fabio Motta

Acinoso” Igt Toscana Rosso 2020 – Buccianera

Cuna Cru Brendino” Pinot Nero Toscana Igt 2018 – Podere Santa Felicita Federico Staderini

“Poggio ai Chiari” Sangiovese Toscana Igt 2011 – Colle Santa Mustiola

“Rude Igt Toscana 2019 – Cantina Dainelli

“Chiorre” Merlot Toscana Igt 2017 – Cantina Canaio

Il Castagno” Syrah Cortona Doc 2018 – Fabrizio Dionisio

Apice” Cortona Syrah Doc 2018 – Stefano Amerighi

“Pietra” Vino Nobile di Montepulciano Riserva Docg 2018 – Croce di Febo

La Spinosa” Vino Nobile di Montepulciano Docg 2019 – Il Molinaccio

Vino Nobile di Montepulciano Docg 2019 – De’ Ricci

Le Caggiole” Vino Nobile di Montepulciano Docg 2018 – Tiberini

“Pigreco” Igt Toscana Sangiovese 2019 – Cipresso 43° by Roberto Cipresso

“Poggio Diamante” Chianti Rufina Riserva 2018 – Marchesi Gondi

In Castll’in Villa” Chianti Classico Riserva Docg 2016 – Castell’in Villa

Chianti Classico Docg 2020 – Quercia al Poggio

Badiola” Chianti Classico Gran Selezione Docg 2019 – Mazzei

Ipsus Chianti Classico Gran Selezione 2018 – Il Caggio

Baruffo” Chianti Classico Docg 2019 – Cantalici

Vigna Vaggiolata” Chianti Classico Docg 2019 – Monterotondo

Vignalparco” Chianti Classico Riserva Docg 2018 – Casa Emma

Chianti Classico Riserva Docg 2018 – Pomona

Le Vigne” Chianti Classico Riserva 2018 – Istine

Le Baròncole” Chianti Classico Riserva Docg 2019 – San Giusto a Rentennano

Gran Selezione Chianti Classico Docg 2018 – I Fabbri

Vigna Gittori” Gran Selezione Chianti Classico Docg 2019 – Riecine

Vigna il Poggio” Gran Selezione Chianti Classico Docg 2017 – Castello di Monsanto

Celarium” Gran Selezione Chianti Classico Docg 2015 – Lecci e Brocchi

Puntodivista” Chianti Classico Docg Lamole 2020 – Jurij Fiore e Figlia

Montecucco Riserva Docg 2016 – Campinuovi

Querciolaia Maremma Toscana Doc Alicante 2018 – Mantellassi

Oltreconfine” Maremma Toscana Doc Grenache 2019 – Bruni

Jacopo” Rosso di Montalcino Doc 2020 – Il Marroneto

“Baditella” Rosso di Montalcino Doc 2019 – Col d’Orcia

“Rossofonte” Rosso di Montalcino Doc 2020 – Ciacci Piccolomini d’Aragona

Per il Babbo” Rosso di Montalcino Doc 2021 – Tiezzi

Rosso di Montalcino Docg 2021 – Talenti

Giovanni Neri” Rosso di Montalcino Doc 2021 – Casanova di Neri

Il Jeccardo” Rosso di Montalcino Doc 2016 – Fattoria del Pino

“La Caduta” Rosso di Montalcino 2017 – Caparzo

“Madonna delle Grazie” Brunello di Montalcino Docg 2018 – Il Marroneto

Colombaio” Brunello di Montalcino Docg 2018 – Cava D’Onice

Brunello di Montalcino Docg 2018 – Castello Tricerchi

Brunello di Montalcino Docg 2018 – Pietroso

“La Cerbaiola” Brunello di Montalcino Docg 2018 – Salvioni

Brunello di Montalcino Docg 2018 – Sanlorenzo

Brunello di Montalcino Docg 2018 – L’Aietta

Brunello di Montalcino Docg 2018 – San Guglielmo

Brunello di Montalcino Docg 2018 – Fuligni

Brunello di Montalcino Docg 2018 – Padelletti

Brunello di Montalcino Docg – Capanna

Vigna Montosoli” Brunello di Montalcino Docg 2018 – Le Gode

Vigna del Suolo” Brunello di Montalcino Docg 2018 – Argiano

Vigna Montosoli” Brunello di Montalcino Docg 2018 – Canalicchio di Sopra

“Capriolo” Brunello di Montalcino Docg 2018 – Terre Nere

Poggiarelli” Brunello di Montalcino Docg 2018 – Cortonesi

Vin Santo di Carmignano Riserva Doc 2015 – Capezzana

Rezeno” Igt Toscana Passito Aleatico 2021 – Poggio al Grillo

Aria” Vin Santo del Chianti Occhio di Pernice 2008 – Pietro Beconcini

Se le liste di cui sopra sono vincolate alla reperibilità in commercio dei vini segnalati (salvo alcune referenze già assegnate per l’annata corrente) quella che segue è la lista dei migliori vini assaggiati o ri-assaggiati quest’anno a prescindere dalla loro presenza sul mercato.

I migliori assaggi “estemporanei” del 2022

“Madonna delle Grazie” Brunello di Montalcino Riserva Docg 2013 – Il Marroneto

“Madonna delle Grazie” Brunello di Montalcino Docg 2016 – Il Marroneto

“Rocche di Castiglione” Barolo Docg 2016 – Roagna

“Pajè V.V.” Barbaresco Docg 2011 – Roagna

“Ciabot Mentìn” Barolo Docg 2010 – Domenico Clerico

Rosso di Montalcino Doc 2018 – Poggio di Sotto

“Villa Montosoli Igt Toscana 2014 – Pietroso

“Vigna del Suolo” Brunello di Montalcino Docg 2016 – Argiano

“In Castell’in Villa” Chianti Classico Docg 2016 – Castell’in Villa

“San Lorenzo” Etna Rosso Doc 2019 – Girolamo Russo

“Ester Canale Rosso Vigna Rionda” Barolo Docg 2016 – Giovanni Rosso

“Poggio ai Chiari” Igt Toscana 2006 – Colle Santa Mustiola

“Ipsus” Chianti Classico Gran Selezione Docg 2016 – Il Caggio

“Selezione Gioacchino Garofoli” Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. Doc 2010 – Casa Vinicola Garofoli

“Fosso di Corsano” Colli di Luni Vermentino Doc 2015 – Terenzuola

Vernaccia di Oristano Doc 1976 – Contini

MIGLIORI GIOVANI, TRA CONFERME E SCOPERTE, DEL 2022

migliori giovani vignaioli itlaiani

Marta Venica – Martissima (Collio – Friuli) – Il suo Collio Rosso (con vinificazione a grappolo intero, di stampo borgognone) è uno dei vini più assennati e contemporanei assaggiati negli ultimi anni! Marta, con il supporto del compagno Mitja Sirk, sta mandando messaggi in bottiglia di grande chiarezza. La speranza è che contribuiscano, seppur in piccola parte, a spronare il movimento vitivinicolo del Collio, che nei giovani può e deve trovare nuova linfa.

Paolo Creazzi – Ca’ dei Maghi (Valpolicella – Veneto): seguo le evoluzioni di Paolo sin dai suoi primi passi da “solista”, in una realtà che fa vino dal 1846, e ciò che mi ha subito colpito è stata la sua voglia di andare controcorrente senza dimenticare da dove si viene, anzi… risalendo la corrente fino alla fonte!
L’azienda si chiama Ca’ Dei Maghi e si tratta di una storica realtà a conduzione familiare sulle colline di Fumane, in quella che tra le valli dell’areale risulta essere la più fresca, nonostante il periodo da me scelto per camminare le sue vigne non sia stato il migliore per comprenderne l’effettivo microclima. Di certo, però, ho potuto appurare l’attenzione e la cura con le quali Paolo gestisce una sana alternanza fra vecchi e nuovi impianti, in terrazzamenti manutenuti con grande sacrificio e ingenti investimenti che contemplano il ripristino dei tradizionali muretti a secco. A predominare e la pergola che conferma la sua attitudine a controbattere in maniera egregia ai cambiamenti climatici fornendo riparo (in altezza) dalle gelate tardive, copertura fogliare per i grappoli e ampia superficie per l’irradiamento, nonché un riparo dal sole questi archi verdi andrà a lavorare. Il segreto è ciò che si chiede a queste viti in quanto è il vignaiolo a decidere se pretendere dalla pergola quantità o qualità, ergo equilibrio. Paolo ha, ovviamente, optato per la seconda ma la sua visione vanta un approccio molto in linea con ciò che mi aspetto dai giovani produttori di questa particolare era enoica: attingere al meglio della tradizione e tradurlo con consapevolezza odierna al fine di ottenere una conduzione rispettosa e tecnicamente ben indirizzata dalla vigna alla bottiglia. Condiviso con lui la fiducia nel Valpolicella Superiore come interpretazione contemporanea di un territorio che gode ancora dei fasti dell’Amarone ma che può e deve svecchiarsi, traducendo la propria vocazione e la voglia di mettersi in gioco dei giovani produttori in vini di più agile beva, ma non per questo facili o esili. Paolo questo lo ha capito e, sono certo, che vi stupirà con i suoi vini e la sua visione.

Gian Marco Viano – Monte Maletto (Carema – Piemonte): Gian Marco è già noto agli appassionati e agli addetti ai lavori, per la sua storia e per il grande lavoro svolto per ri-valorizzare uno dei più suggestivi e vocati, ma anche difficili e onerosi territori vitivinicoli italiani: Carema. Nato ad Aosta nell’86, Gian Marco, vanta un passato come Sommelier in alcuni importanti stellati in Italia e all’estero. Esperienze che gli hanno permesso di maturare una sensibilità non comune nei confronti della degustazione ma fare vino è un’altra cosa e fare vigna lo è altrettanto, specie in un contesto complesso e peculiare come quello di Carema. Eppure, Gian Marco non sì lasciato spaventare dalla fatica e dalle sfide che gli si paravano di fronte. E’ lui il cuore pulsante dei giovani vignaioli di Carema (da poco eletto presidente dell’associazione “giovani vignaioli canavesani) e lo dimostrano i suoi vini, coraggiosi dalla vigna al bicchiere, con la fondamentale visione “open mind” di chi ha assaggiato tanto e vuole guardare avanti senza ledere il legame con la tradizionale. Un talento che coniuga sensibilità interpretativa e operosità, che farà ancora parlare di sé, sospinto da un territorio che – anche grazie a lui – sta vivendo un vero e proprio rinascimento enoico.

Francesco Cerri e Gianna Zito – La Mursa (Isola di Capraia) – Una coppia di vignaioli, una famiglia, isolana e “isolata” ma capace di aprirsi al mondo con dei vini freschi, solari, concreti, intrisi di un’identità senza tempo, a confine fra la più coerente classicità e la più decisa avanguardia enoica. I ragazzi e i loro vini hanno personalità da vendere! Sulàna e Ventigghjatu sono tra i migliori assaggi dell’anno a mani basse!

Ginevra Coppacchioli – Coppacchioli Tattini (Cupi – Marche) – Ne scrissi per primo anni fa scommettendo non tanto su ciò che avevo avuto modo di assaggiare, bensì su quelle vigne a 1000 metri slm e sulla passione che leggevo negli occhi della poco più che ventenne vignaiola a Cupi. Questo è stato l’anno della quadratura del cerchio per Ginevra e i suoi vini, con una netta crescita qualitativa sui metodo classico, sul Pinot Nero e sul Pecorino (Vissanello), con l’arrivo, inoltre, di nuove referenze. Le produzioni sono minime ma la piccola azienda marchigiana è già conferma di non essere una meteora e di poter contatre su ben più dell’altitudine.

Peter Radovic – Radovic (Carso – Venezia-Giulia) – Ho atteso più di un anno e mezzo dal primo assaggio dei vini di Peter Radovic e dal mio primo post sui social in cui scrivevo in maniera spontanea ed estemporanea “è nata una stella!”. Parole che da parte non erano mai state espresse con quella convinzione, in questi anni di viaggi per vigne e cantine. Peter è un giovanissimo vignaiolo carsolino, proprietario, assieme alla sua famiglia, della piccola Az. Agr. Radovic, che conta poco più di 1ha di vigneto, con rese molto base (40/50 q/ha).Un talento luminoso, quasi sfrontato tanto gli piace sperimentare, anche a costo di produrre manciate di bottiglie per referenza. Tra gli “esperimenti” stappati quest’anno è la sua cuvée di annate in stile “ossidativo” Euforja ‘9’8’0 ha stupire per complessità e personalità. Ben più di un esercizio di stile!

Giulia dell’Erba – Az. Agr. Dell’Erba (Riviera Ligure di Ponente) – La giovanissima vignaiola ligure della Riviera di Ponente ha deciso di dedicare anima e corpo alla vigna e alla produzione dei suoi vini, per fuggire da un mondo che le stava stretto. Tornata alle sue origini e a quei vigneti di Pigato e Vermentino del nonno in cui scorrazzava da bambina, oggi si pone come una delle novità più interessanti del panorama bianchista ligure.

Giacomo Baraldo (San Casciano dei Bagni – Toscana): Giacomo, classe ’86, si è laureato in viticoltura ed enologia nel 2012 e, con alle spalle già una vendemmia a Trinoro, decide che per poter produrre grandi vini “a casa sua” doveva prima girare le vigne e le cantine di alcuni dei principali territori vitivinicoli mondiali. E’ così che dalla sua San Casciano dei Bagni partì alla volta delle Graves di Bordeaux, dove in 3 mesi ebbe modo di entrare nella mentalità agronomica, enologica e commerciale dello storico areale francese. Oggi produce con grande sensibilità interpretativa vini di territorio applicando tutto il know how acquisito nelle sue esperienze lavorative, come la fermentazione in vigna (mutuata dal progetto del Pinot Nero 18.5k che porta avanti in Nuova Zelanda), unico modo per permettere alla fermentazione di avviarsi in maniera realmente spontanea, eliminando la possibilità che a partire siano le popolazioni di cantina. Un talento che stupisce con i suoi diversi Cru di Sangiovese (Bossolo, Caccialupi, Pozzone) e uno Chardonnay (L’Affacciatoio) sferzante e vibrante, ma al contempo di grande eleganza. Andatelo a trovare! Le sue vigne, i suoi vini e la cucina del ristorante di famiglia valgono il viaggio.

Giovanni Picirillo – Masseria Picirillo (Caiazzo – Campania): Il giovane, ma già esperto, enologo Giovanni Piccirillo, dopo gli studi di enologia e le esperienze di lavoro in Francia (Bordeaux), ha preso in mano le redini della piccola azienda di famiglia a Caiazzo: Masseria Piccirillo. Grazie alle competenze acquisite e a una visione rispettosa e illuminata della produzione dalla vigna al bicchiere, ha deciso di scommettere sulle varietà della propria terra, ovvero Pallagrello bianco, Pallagrello Nero e Casavecchia. In pochi anni ha già fatto percepire il cambio di marcia ma sono convinto che il meglio debba ancora venire! Da seguire con attenzione.

Francesca Fiasco (Felitto – Cilento – Campania): seguo l’evolversi di Francesca e della piccola azienda vitivinicola che porta il suo nome da ben prima che le sue prime annate uscissero sul mercato. E’ stata fortuna, ma non è sempre detto che arrivare per primi significhi scoprire una realtà che avrà costanza e capacità di crescita. Ecco perché ho atteso che la giovane vignaiola campana infilasse almeno un paio di annate capaci più che soddisfacenti per annoverarla fra i “nuovi” talenti enoici da seguire.
Siamo a Felitto, piccola cittadina adagiata su di una collina a ca. 300m slm.
Qui Francesca, giovane e volenterosa vignaiola, coadiuvata dalla sua famiglia, ha messo in piedi una piccola cantina, contornata dalle vigne del nonno e da alcuni nuovi impianti.
L’idea della della produttrice cilentana (classe ’87) nasce nel 2013, ma è solo dopo un paio di anni che iniziano i lavori per la costruzione della sua piccola ma funzionale struttura di vinificazione in cui è completamente autonoma.
Un’idea che non è giunta dal nulla, in quanto c’è sempre stato un vignaiolo nella vita di Francesca: suo nonno Luigi (classe ’31). E’ stato proprio lui a trasmetterle i rudimenti della viticoltura e , ancora oggi, supervisiona l’andamento stagione del vigneto nonché il lavoro di sua nipote.
Ecco, quindi, che da un sogno e dalla passione tramandata dai nonni Francesca, oggi, si trova a coltivare i suoi 6 ettari di vigna dove troviamo varietali come l’Aglianicone, l’Aglianico, il Cabernet Sauvignon, il Sangiovese, il Barbera, il Merlot, il Coda di Volpe e il Fiano, oltre ad alcuni vecchi ceppi di cloni e biotipi dei quali ancora non si conosce con certezza la tipologia. Il suo bianco “Lapazio” è una scoperta continua e i suoi tre rossi sono intriganti e di grande personalità. Vini che vanno oltre il varietale e puntano dritti alla territorialità. Da seguire!

Quattro areali da seguire con attenzione nel 2023

Trentino, montagna e non solo: quando pensiamo al Trentino è impossibile non associarlo alla montagna e anche per quanto concerne la viticoltura il territorio di questa regione del nord Italia è da contestualizzare all’interno del macro-insieme degli areali montani, seppur non tutti gli appezzamenti si trovino in altitudine. La morfologia trentina, infatti, è variegata e ad essa si aggiungono differenti variabili micro-climatiche (condizionate dalla schermatura dai venti freddi fornita dalle Dolomiti e dall’effetto mitigatore del Lago di Garda, con grandi escursioni termiche giorno-notte) che vanno dalla più mite sponda del Lago di Garda, passando per i fondovalle, per poi finire in quota, arrampicandosi sui ripidi pendii delle aree dolomitiche. Un totale di più di 10.000 ettari dislocati a quote che vanno dai 200m slm a ca. 1000m slm (ben il 14% dei vigneti è al di sopra di quota 500m). Il territorio trentino può essere suddiviso in tre macro-aree:

Trentino centrale: centralmente troviamo la Valle dell’Adige con la Piana Rotaliana e la Vallagarina che si susseguono da nord verso sud lungo il corso del fiume Adige

Trentino occidentale: lateralmente, nel versante occidentale del Trentino, troviamo la Valle dei Laghi che si snoda lungo un percorso puntellato dalla presenza di numerosi specchi d’acqua ultimo dei quali è il Lago di Garda

Trentino Orientale: sul versante orientale del Trentino troviamo invece i ripidi vigneti della Valle di Cembra che segue l’ultimo tratto percorso dal torrente Avisio e più a sud la Valsugana nella quale si assiste ad un significativo recupero della viticoltura di qualità.

Un areale che spazia dalla produzione di grandi metodo classico (Trento Doc) a vini rossi di palese contemporaneità per finezza e slancio (in grado di sopportare meglio di altri gli esiti dei cambiamenti climatici), passando per vini bianchi freschi, profumati e minerali, senza dimenticare passito e “vino santo” oltre, ovviamente, ai distillati. Il territorio è sempre più votato alla sostenibilità e al rispetto di un contesto di rara integrità e bellezza che rappresenta una metà ideale per enoturisti, appassionati e addetti ai lavori che vogliono approfondire la produzione locale.

La “giovane” Maremma (toscana), tra certezze e sfide per il futuro: quando si pensa alla Toscana più vera e verace, a quella più integra e concreta la mente va subito alla Maremma (toscana): Eppure, quando ci spostiamo in ambito enoico la Maremma non viene, spesso, contestualizzata come meriterebbe.
Questo, probabilmente, “a causa” della grande variabilità del suo territorio e alla complessità di un areale che, se parliamo di Doc Maremma (nata nel 2011), è rappresentato, nell’intera provincia di Grosseto, da più di 4.500 chilometri quadrati. Siamo al Sud della Toscana, è le zone vitivinicole in cui insiste la denominazione si estendono dalle pendici del Monte Amiata fino a lambire la costa maremmana e l’Argentario, comprendendo anche i pochi ettari rimasti sull’isola del Giglio, per un totale di ca. 8.750 ettari vitati. Un’area geografica caratterizzata da condizioni pedoclimatiche molto diversificate che incidono profondamente sulle caratteristiche della ricca e variegata gamma di vini proposta. Per chi ama geologia e “climat”, per chi vive il vino con estrema curiosità in termini ampelografici e di singole identità zonali, la Maremma è un vero “parco giochi” in cui si ha l’impressione di poter appagare la propria curiosità senza soluzione di continuità. Dai dolci colli dell’entroterra, ci si sposta a nord ovest verso le Colline Metallifere e a nord est verso il vulcano spento del Monte Amiata. Poi abbiamo le terre del tufo, ovvero il comprensorio di Pitigliano e Sorano, luoghi dal fascino infinito, in cui non è raro trovare cantine scavate nel tufo, proprio come le necropoli etrusche di cui questa zona è piena. Spostandoci verso la costa, troviamo il suggestivo promontorio dell’Argentario e attraversando il mare possiamo godere della viticoltura isolana dell’Isola del Giglio, ancora impostata come da tradizione con terrazzamenti e piante impalcate con canne incrociate. La fascia costiera, in toto, vanta suoli principalmente di matrice argillosa. Un territorio variegato che offre molteplici interpretazioni varietali in purezza o in blend, declinandole in tutte le tipologie. Tra i focus che vi consiglio c’è, in primis, una certezza, ovvero quella del Vermentino che ha già trovato una sua dimensione, rappresentando in maniera vigorosa l’anima bianchista della Maremma e, in secondo luogo, una “scommessa” (che in realtà ha radici profonde sul territorio, vantando vigneti di oltre 60 anni) che può rappresentare la più sensata (per contesto pedoclimatico e prospettive enologiche) espressione rossista (e, magari, in “rosa”) del territorio: la Grenache (o Alicante, da non confondere con l’Alicante Bouschet).

L’Acquese e il Brachetto: visto il periodo, molti di voi saranno portati a vedere nell’areale di cui la bellissima città di Acqui fa capo la terra del Brachetto spumante o tappo raso, ergo nelle sue versioni “dolci”, relegate – purtroppo – ad abbinamenti castranti sia nella contestualizzazione temporale (feste, festività e fine pasto) che nel puro food pairing (dolce-dolce). La mia sfida nel 2023 (lo è già da qualche anno in realtà) è dimostrare che questo vitigno così difficile da coltivare e cosi parca nelle produzioni (le rese a ettaro sono, in media, inferiori a quelle del Nebbiolo da Barolo) può e sa offrire espressioni varietali e territoriali di grande contemporaneità, anche grazie alle nuove tipologie di recente introduzione in disciplinare (rosè spumante e fermo, rosso fermo secco). Il mio invito è ad approfondire la conoscenza dell’areale e delle sue sfaccettate produzioni, al fine di “salvare” il Brachetto dal lento ma costante espianto. Sarebbe davvero un peccato per uno dei vitigni rossi aromatici più interessanti e peculiari del nostro paese.

Colli Euganei, calediscopio di pedologie e mesoclimi: un territorio che continuo a citare fra quelli da visitare e approfondire in quanto portatore di una vocazione innata ancora solo parzialmente espressa. Un areale dalla geologia unica. Circa 43 milioni di anni fa che si formano accumuli di colate laviche solidificate a contatto con l’acqua.
Ca. 8 milioni di anni dopo arriva la fase più importante per la morfologia del territorio che ancora oggi è visibile nella conformazione dei Colli. “Gli Euganei sono l’unica zona delle attuali Venezie dove fuoriescono abbondanti lave acide ricche in silice e assai viscose. Dal raffreddamento nascono rocce particolari, la riolite viene seguita da trachite e latite, con filoni di basalto a chiudere il ciclo. La forte spinta dei magmi solleva e frattura nei modi più disparati gli antichi strati del fondo marino che, fino ad allora, avevano conservato la conformazione originale. Gli Euganei assumono la forma suggestiva che li contraddistingue e che ancora oggi ammiriamo.”
A modellare questo paesaggio saranno la successiva “ritirata” del mare dall’area e gli agenti atmosferici con la loro azione erosiva.
Oggi, l’areale vitivinicolo dei Colli Euganei può vantare una delle pedologie più sfaccettate: dai terreni prettamente vulcanici (tipici i terreni ricchi di Riolite, Trachite e Latite), a quelli più marnosi (tipica marna euganea molto argillosa), passando per la tipica scaglia rossa (calcare argilloso ricco di fossili). Ognuno di questi terreni ha dimostrato particolare attitudine a diversi varietali e, probabilmente, questo è uno dei principali motivi per cui la base ampelografica dei Colli Euganei è così variegata: è stata la prima terra ad accogliere i vitigni bordolesi in maniera importante, grazie ai Conti Corinaldi che hanno messo a dimora i primi vigneti di Cabernet Sauvignon e Cabernet Franc ma probabilmente anche Merlot e Carmenere; tra gli autoctoni resistono il Serprino, il Pinello, la Garganega e i Moscati (Giallo e Bianco) con il Moscato Giallo bandiera della docg locale Fior d’Arancio. Durante il mio ultimo viaggio sul territorio ho potuto riscontrare da parte di alcuni virtuosi vignaioli (giovanissimi) la voglia di riscoprire i “vecchi” vitigni autoctoni ormai quasi del tutto abbandonati, come la Marzemina Bastarda, la Turchetta e la Corbina. Di “contro” è indubbio che l’enologia contemporanea di questo areale abbia trasceso, almeno in parte, la tradizione rurale orientando le più alte espressioni enoiche verso vini prodotti con varietà alloctone ma non per questo poveri di identità, marcata da un territorio che non permette omologazione e che conferisce connotazioni definite e riconoscibili anche ai vini da vitigni “internazionali”.
Il clima è generalmente più mite rispetto alla pianura e vi consiglio di visitare i Colli Euganei anche in inverno, stagione nella quale potrete assistere al fenomeno dell’inversione termica che vi permetterà di scorgere le cime dei lievi rilievi emergere dal “mare” di nuvole quasi come stiano galleggiando. (Qui troverete la recente zonazione climatica recentemente pubblicata dal Consorzio: wineblogroll.com/colli-euganei-territorio).
Tra tutti i territori italiani quello dei Colli Euganei è, senza dubbio, il territorio più difficile da imbrigliare e da sintetizzare in poche e rappresentative espressioni enoiche e per quanto si possa pensare a questo aspetto come ad un limite, credo che per tutti gli appassionati e, anche, per gli addetti ai lavori questa terra rappresenti un’occasione! Sì, l’occasione di assaggiare tante singolarità varietali ed enologiche (sono molte e diverse le “filosofie” produttive che insistono sul territorio) con le varie matrici pedologiche e ancor più pedoclimatiche a delineare le peculiarità delle singole espressioni nel calice, dai vini più strutturati e profondi a quelli più agili e minerali. Un areale in cui non ci si stanca mai di scoprire nuove pedologie che si traducono in diverse espressioni nel calice.

L’Oristanese e il Vernaccia: mi dicono che i “vini ossidativi” sono “di moda” in questo momento e che, da “bravi” esterofili ci si stia orientando alla riscoperta dei vini della regione vitivinicola dello Jura. Eppure, in Italia possiamo vantare uno dei più grandi vini “florizzati” al mondo, capace di emozionare per complessità e longevità: il Vernaccia di Oristano. Da par mio, non ho mai celato l’amore spassionato nei confronti di questa denominazione tanto da averle dedicato tempo, spazio e parole durante degustazioni itineranti e nelle mie selezioni, ma pur avendo visitato più volte l’areale in cui insiste la denominazione Vernaccia di Oristano Doc è solo nel mio più recente viaggio che ho avuto modo di rendermi pienamente conto di quanto questo territorio, questo varietale e i vini che ne scaturiscono siano intrisi di storia e tipicità. Sì, perché quando si parla di vini “ossidativi” si da, comprensibilmente, più rilevanza al metodo che all’identità ampelografica, pedoclimatica e storica di quella specifica referenza ma così facendo si rischia di s-cadere nell’omologazione. Per questo vi invito a visitare il territorio e a lasciarvi condurre dai produttori locali alla scoperta della storia, del pedoclima e delle interpretazioni enologiche di questa varietà e di un vino che rappresenta un veicolo di suggestioni ed emozioni anche per il degustatore più esperto e uno strumento per stupire e valorizzare la propria competenza per i sommelier anche dei più importanti ristoranti italiani e non solo.

Ischia, vigne e vini: una delle più belle isole al mondo, ma anche una delle più martoriate negli ultimi anni da flagelli naturali accentuati da una malsana gestione edilizia. Poi c’è il vino, anzi… ancor prima la vigna, che a Ischia, seppur ridotta nei numeri, resta una sentinella nei confronti degli equilibri naturali del contesto ambientale e della sua biodiversità. Il mio interesse per la viticoltura isolana e, in particolare, per quella ischitana è, da sempre, indotto dalla capacità di questi territori cinti dal mare di rappresentare delle vere e proprie enclave, dei piccoli continenti che vivono dinamiche storico-culturali e, in questo caso, colturali differenti da quelle della terraferma.
La vocazione dell’Isola alla viticoltura è nota sin dall’antichità, lo testimonia la coppa di Nestore, ritrovata nel comune di Lacco Ameno, sulla quale è incisa la frase “Di Nestore… la coppa buona a bersi. Ma chi beva da questa coppa, subito quello sarà preso dal desiderio d’amore per Afrodite dalla bella corona” che sembra inneggiare al buon vino locale.
Sembra, altresì, che la coltivazione della vite sia stata introdotta dagli Antichi Euberi e per questo il sistema di allevamento richiama la tradizione greca e non quella etrusca adoperata nel centro Italia e in molte zone della Campania.
Il vero e proprio boom della produzione vitivinicola ischitana, però, si ha nel 1500, grazie al commercio del vino bianco sfuso, esportato via mare verso i più importanti mercati italiani e stranieri.
Migliaia di carrati venivano caricati sui velieri da trasporto (vinacciere) che per secoli hanno solcato i mari rappresentando l’unico veicolo commerciale dall’isola alla terraferma.
Oggi, Ischia è sicuramente più famosa per il turismo, per le terme e per la bellezza dei contesti paesaggistici e solo marginalmente per i suoi vini di territorio, eppure la storia di cui sopra e quella più recente ne attestano una qualità indiscutibile. Una vocazione così forte da portarla ad essere ricoperta di vigneti, fino ad arrivare a ca. 2400ha vitati attorno agli anni ’40. Con l’avvento del boom economico e del turismo, a causa di speculazioni edilizie e di una visione poco accorta della gestione del patrimonio naturale e paesaggistico ischitano, gli ettari diminuirono scendendo sotto ai 1000ha (ca. 900) negli anni ’90 per poi stabilizzarsi sui ca. 300ha odierni.
Un patrimonio vitivinicolo ed ampelografico dilapidato ad una velocità inaudita che è stato salvaguardato solo ed esclusivamente da pochi virtuosi vignaioli. Per questo, nel 2023, vi chiedo di dedicare particolare attenzione alla viticoltura, ai viticoltori e ai vini di Ischia. Ne varrà la pena!

Conclusioni e considerazioni generali

Se Toscana e Piemonte si confermano all’apice grazie ai picchi qualitativi veicolati da Langhe (con un’Altalanga sempre più presente), Montalcino e Chianti Classico, con il Veneto che segue a ruota e le Marche che spiccano per un Verdicchio che non sembra voler smettere di brillare fra i bianchi italiani, è l’Etna a stupire, continuando la sua marcia inarrestabile verso l’Olimpo dei vini italiani e non solo, con una varietà di proposte che abbraccia tutte le tipologie e un’identità territoriale definita e riconoscibile. E’ stato un anno di ripresa per gli eventi e per i viaggi e, nonostante io non mi fossi mai fermato – se non per i lockdown -, è stato fondamentale tornare in alcuni areali che reputo in forte crescita o in “ripresa” dopo una fase di stallo. Tra questi segnalo il Collio, che può e deve vedere nel “Collio Bianco” e nei vini di territorio il primario tramite espressivo della propria identità e il Sannio, capace di livellare, di annata in annata, la qualità dei propri vini anelando a un posizionamento di maggior gratificazione.

N.B.: com’è evidente dal novero di referenze menzionate per ogni regione, le selezioni sono “condizionate” dalla quantità di denominazioni presenti, dal livello medio delle produzioni locali e dalle occasioni di assaggio territoriale (eventi, anteprime, incoming, sessioni consortili ecc…).

Buon 2023!


F.S.R.

#WineIsSharing

Seguimi anche su instagram.com/italianwinelover

Lascia un commento

Blog at WordPress.com.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: